The end of the rhino

dicembre 21, 2014

Why Evolution Is True

by Greg Mayer

The five living species of rhino, along with the several species of tapir and horse (which include the zebras and asses), are members of the great mammalian order of odd-toed ungulates, or Perissodactyla. Perissodactyls were formerly much more species rich; today, most ungulates (hoofed mammals) are even-toed, members of the Artiodactyla, which includes cattle, deer, antelope, sheep, goats, pigs, etc.– the dominant large land herbivores of our world. Of those perissodactyls still with us, the rhinos have suffered the most at the hand of man, and all five species have been or are critically endangered.

The most endangered of rhinos is the northern white rhino (Ceratotherium simum cottoni) of central Africa, a subspecies of the white rhino, and its condition became extremely precarious last Sunday when the San Diego Zoo’s male northern white rhino, Angalifu, died at the age of 44 from…

View original post 640 altre parole

Transition Towns a quota 2000: «Ma è solo l’inizio»

novembre 13, 2014

5 MINUTI PER L'AMBIENTE

In dieci anni le cosiddette Transition Towns hanno toccato quota duemila. «Ma è solo l’inizio, è un esperimento che ha un grande potenziale». A fare il punto su questa esperienza è Cristiano Bottone portavoce del movimento Transition Italia: «È arrivato il momento di aprire una fase nuova volta a coinvolgere segmenti sempre più ampi della popolazione».transition1

Duemila Transition Towns in trenta paesi del mondo: è la fotografia di un movimento che sta acquistando una dimensione planetaria e che rappresenta un grande esperimento di innovazione sociale. A fare il punto sull’esperienza è Cristiano Bottone, portavoce di Transitions Italia. «Sono passati circa 10 anni da quando, in una piccola cittadina dell’Inghilterra, è germogliato il seme delle Transition Towns, un esperimento di innovazione sociale che ha ormai raggiunto una  dimensione planetaria e sembra continuare a esprimere un potenziale molto interessante». Il movimento è presente in quattro continenti, si va dal piccolo villaggio al…

View original post 1.053 altre parole

The ultimate cowardice: British student union refuses to condemn ISIS

ottobre 16, 2014

Why Evolution Is True

When even Muslim organizations are condemning ISIS left and right, one organization refuses to do so. That’s right—it’s the National Union of Students, the British students’ organization.  And below is the motion up for approval at their convention, according to The Tab, an Oxford student news site:

Proposed: Daniel Cooper
Seconded: Shreya Paudel, Clifford Fleming

NUS National Executive Committee notes:

1. The ongoing humanitarian crisis and sectarian polarisation in Iraq – which has resulted in thousands of Yazidi Kurds being massacred.

NUS NEC believes

1. That the people of Iraq have suffered for years under the sectarian and brutally repressive dictatorship of Saddam Hussein, the US/UK invasion and occupation, the current sectarian regime linked to both the US and Iran, and now the barbaric repression of the “Islamic State” organisation.

2. That rape and other forms of sexual violence are being used as weapons against women in IS-occupied areas, while minorities are being ethnically cleansed.

NUS NEC resolves

1…

View original post 400 altre parole

Pew report on Muslim world paints a distressing picture

ottobre 4, 2014

Why Evolution Is True

The Pew Research Center just issued a report on Islamic beliefs: “The World’s Muslims: Religion, Politics and Society” (a one page summary here).  The researchers surveyed over 38,000 people in one-on-one interviews in 39 countries—all countries having more than 10 million Muslims.  Unfortunately, they left out Saudi Arabia and Iran, where, they note, “political sensitivities or security concerns prevented opinion research among Muslims.”  This alone suggests that including those countries would have given the data an even more extremist slant than they had.  Here’s where Pew surveyed:

gsi2-exec-map

For a quick overview, read the executive summary at the second link above; I suppose those who are both pro- and anti-Islam will find succor in that summary.  For example, here’s how the countries rank in how their inhabitants see the compatibility of science and Islam:
Picture 1
and this may reassure those people who argue that support for terrorism is…

View original post 668 altre parole

The Earth’s ongoing nature losses may soon begin to hit national economies, a major UN report has warned.

maggio 9, 2013

10 May 2010 Last updated at 07:27 GMT

NATURE LOSS TO DAMAGE ECONOMIES

By Richard Black

Environment correspondent, BBC News

The abundance of mammals, birds, reptiles and other creatures is falling rapidly.

The third Global Biodiversity Outlook (GBO-3) says that some ecosystems may soon reach “tipping points” where they rapidly become less useful to humanity.

Such tipping points could include rapid dieback of forest, algal takeover of watercourses and mass coral reef death.

Last month, scientists confirmed that governments would not meet their target of curbing biodiversity loss by 2010.

 “

“The news is not good,” said Ahmed Djoglaf, executive secretary of the UN Convention on Biological Diversity (CBD).

“We continue to lose biodiversity at a rate never before seen in history – extinction rates may be up to 1,000 times higher than the historical background rate.”

The global abundance of vertebrates – the group that includes mammals, reptiles, birds, amphibians and fish – fell by about one-third between 1970 and 2006, the UN says.

SEEING RED

The 2010 target of significantly curbing the global rate of biodiversity loss was agreed at the Johannesburg summit in 2002.

It has been clear for a while that it would not be met.

But GBO-3 concludes that none of the 21 subsidiary targets set at the same time are being met either, at least not on a global basis.

These include measures such as curbing the rate of habitat loss and degradation, protecting at least 10% of the Earth’s ecological regions, controlling the spread of invasive species and making sure that international trade does not take any species towards extinction.

No government submitting reports to the convention on biodiversity group claims to have completely met the 2010 target.

While progress is being made in some regions, the global failure means an ever-growing number of species are on the Red List of Threatened Species.

“Twenty-one percent of all known mammals, 30% of all known amphibians, 12% of all known birds (and)… 27% of reef-building corals assessed… are threatened with extinction,” said Bill Jackson, deputy director general of the International Union for the Conservation of Nature (IUCN), which maintains the Red List.

“If the world made equivalent losses in share prices, there would be a rapid response and widespread panic.”

The relationship between nature loss and economic harm is much more than just figurative, the UN believes.

An ongoing project known as The Economics of Ecosystems and Biodiversity (TEEB) is attempting to quantify the monetary value of various services that nature provides for us.

These services include purifying water and air, protecting coasts from storms and maintaining wildlife for ecotourism.

The rationale is that when such services disappear or are degraded, they have to be replaced out of society’s coffers.

Loss of coral reefs will reduce humanity’s supply of seafood.

TEEB has already calculated the annual loss of forests at $2-5 trillion, dwarfing costs of the banking crisis.

“Many economies remain blind to the huge value of the diversity of animals, plants and other lifeforms and their role in healthy and functioning ecosystems,” said Achim Steiner, executive director of the UN Environment Programme (Unep).

“Humanity has fabricated the illusion that somehow we can get by without biodiversity, or that it is somehow peripheral to our contemporary world.

“The truth is we need it more than ever on a planet of six billion heading to over nine billion people by 2050.”

For example, freshwater systems polluted with excess agricultural fertiliser will suffocate with algae, killing off fish and making water unfit for human consumption.

The more that ecosystems become degraded, the UN says, the greater the risk that they will be pushed “over the edge” into a new stable state of much less utility to humankind.

Source: BBC
http://news.bbc.co.uk/2/hi/science_and_environment/10103179.stm


UNA POVERTA’ SOSTENIBILE Maria Luisa Cohen, Presidente Assisi Nature Council Onlus Maggio 2013

maggio 9, 2013

 UNA  POVERTA’ SOSTENIBILE

Maria Luisa Cohen, Presidente Assisi Nature Council Onlus

Maggio 2013

 


Il 31 d’agosto 2012, ho partecipato come osservatore NGO all’International Environment House, per l’evento organizzato dall’’UNEP e dall’ ‘Environmental Network di Ginevra per Rio+20, intitolato “The Future We Want”(Il futuro che vogliamo).

Fu una discussione d’ alto livello allo scopo di  avanzare gli obiettivi di Rio+20 .

Il programma prometteva uno spazio per questioni e risposte, ma nonostante sappia che  un vero dibattito non è possibile in queste condizioni, mi preparavo lo stesso a dare battaglia, tanto per agitare un po’ le acque.

L’UNEP ( United Nations Environmental Programme) fa parte dell’Environmental Network di Ginevra,  che conta ben 110 organizzazioni governamentali e non governamentali ed è sostenuto dallo stesso governo ginevrino, a dimostrazione dell’impegno della città ad investire nel campo ambientale come in quello economico e dei diritti umani.

L’obiettivo ambizioso di questo evento, seguito alla risoluzione 66/288 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che  aveva approvato il Documento della Conferenza  per lo Sviluppo Sostenibile conosciuto come Rio + “The Future We Want”, era la  ricerca di soluzioni globalmente  condivisibili.

Poiché  la sostenibilità è oramai un household name, un brand  riconosciuto dai ranghi del potere burocratico ,  questo futuro auspicato per un’ancora evanescente condivisione universale, dovrà essere socialmente ed ecologicamente sostenibile.  Il modello Brundtland è la linea rossa che non si puo’ sorpassare, la parola finale sulla Sostenibilità, ma inscindibile dal concetto di Sviluppo.

Ora, lo sviluppo come inteso dal Rapporto e le sue numerose definizioni, significa crescita materiale, cioè un aumento dell’uso delle risorse. L’unica misura di sostenibilità è quella ecologica, cioè la capacità di carico del pianeta, che l’umanità ha da tempo sorpassato (overshoot). Quello di cui abbiamo bisogno non è crescere ma contrarre. 

Questo aspetto non fu mai menzionato nella discussione.

Che però ha determinato gli obiettivi (target) principali per  uno Sviluppo Sostenibile, che sono in primis, l’eradicazione della povertà e della fame nel mondo come il più urgente ; la transizione verso un’economia “verde”; la creazione  di un Forum di alto livello sullo Sviluppo Sostenibile per sostituire la Commissione dell’UN sullo Sviluppo Sostenibile ….e potenziare il ruolo dell’UNEP ( United Nations Environmental Programme.

  Pardon,  se questo suona come una satira  della burocrazia internazionale, ma se qualcuno pensa che io mi diverta a seguire queste evoluzioni dejà vu che si ripetono sempre eguali e sempre più costose e inefficienti dilatate fino alla fine dei tempi – o di questo nostro mondo- si sbaglia. Sono presa da un senso di futilità e mi chiedo a cosa servono gli  sforzi di una minoranza per convincere la maggioranza che  la terra non è piatta né infinita.

Essa è limitata e già sfruttata al massimo e la crescita  accompagnata da qualsiasi aggettivo rassicurante non fa che aumentare la pressione.

Era oramai chiaro che Rio +20  fu un clamoroso insuccesso, che non aveva avuto successo  e che l’unico obiettivo raggiunto fu perversamente un aumento dell’emissione di CO2.

Ma l’essenza della burocrazia sta anche nella ripetitività dei suoi errori, e una volta stabilito che la crescita è un bene da perseguire,  senza notare che le  circostanze sono cambiate e quindi anche le conseguenze, l’accoppiamento Sviluppo che spinge per  la crescita  con  la Sostenibilità che richiede stabilità, diventa un ossimoro.

Tra l’altro, Ian Johnson, Segretario Generale del Club of Rome nell’articolo  “The Future we want or the Future that we will get? Flying down to Rio: Global Public Policy per airmile accumulated and GHG produced “, riferendosi al seguito della  Conferenza Rio +20 non aveva dubbi sull’inutilità di queste conferenze :

“Dopo quaranta anni uno può solo disperarsi per il processo internazionale a cui abbiamo assistito. Un  testo turgido dal titolo ottimista “Il Futuro che vogliamo” include quasi 300 paragrafi che coprono tutto ma offrono niente. “Recognize” , “riafferma”, “ricorda”“riconosce”, “ sottolinea”,  “ripete”, “esorta”,”enfatizza”, “fa risaltare”,”invita” nel testo, minuziosamente  costruito in garbati termini  diplomatici …che riafferma e sottolinea    la descrizione del diplomatico: qualcuno che pensa due volte prima di dire niente ! “

E cosi eravamo giunti ad agosto per  una nuova svolta, a confermare gli errori della prima.

La discussione fu introdotta dalla  dichiarazione del sottosegretario Generale dell’UN Jan Eliasson, il cui sugo era il seguente  “Riguardo  alla nostra economia sostenibile, essa funziona   e  sarà ottimizzata a livello nazionale. Purtroppo a livello intergovernamentale, i risultati sono negativi.

Cosa dovremmo fare dopo la lezione di Rio ?

Il minimo che possiamo fare per trovare soluzioni ai problemi del  mondo è attraverso delle conferenze multilaterali.”

Ci si chiedeva:

-come coinvolgere gruppi sociali e il settore privato ?

– come trovare delle soluzioni pratiche favorevoli alla realizzazione di un’economia “verde” ?
– come permettere ai singoli paesi di trovare soluzioni in accordo con le loro risorse ?

Eravamo ancorati  alle prime raccomandazioni di Rio 20+, senza avere ottenuto degli scopi strategici ?

Tra gli ospiti del Panel c’era solo uno che conoscevo: Mark  Halle, un simpatico tipo che ha sopravissuto incolume numerosissime conferenze e scalato diverse  vette nel firmamento delle organizzazioni GO e NGO

In una delle sue vesti, da Vice Presidente dell’ International Institute for the Sustainable Development, egli ammette:

“….nonostante ( gli sforzi -mia nota), l’impresa è stata fallimentare. Ogni obiettivo esame delle  tendenze dell’ultimo quarto di secolo dimostrano che non solo abbiamo fallito, ma che abbiamo fallito in modo spettacolare.”

 ( IISD Publications Centre “Mark Halle talks about why sustainable development hasn’t worked and what to do about it” 2010 Video).

La sala era piena, piena di una nuova generazione di globalisti, giovani ed etnicamente diversi, che poi ritrovai alla caffetteria ben fornita di assietes saine, equitabili ed ecosostenibili aka  wholewfood a prezzo apprezzabilmente  sostenibile.

Mi chiedo, dove sono i giovani disoccupati, arrabbiati e sfiduciati, che marciano contro: qui tutto quello che pensano di “okkupare” sono le sedie dell’auditorio o dell’enorme biblioteca.

Incidentalmente, se il tasso di disoccupazione nei paesi occidentali  è molto elevato, e specialmente le donne non sono apprezzate come partner economico allo stesso livello degli uomini, la composizione demografica di questa sala offriva delle osservazioni particolarmente interessanti. La proporzione donne /uomini era al 70% in favore della prima. Il processo di rottamazione pare sia  già da tempo operante: l’età media era tra i 19 e i 32 anni.

L’atmosfera era permeata di energia creativa.

Non ho decîso in cuor mio se l’ottimismo di quest’atmosfera è rassicurante o preoccupante.Ma comunque vada, questi giovani  arriveranno in testa alla feroce competizione che attende  tutti i giovani. Mentre la generazione di mezzo,che ha visto l’esplosione economica, con sguardo miope soppesa il futuro come lo specchio dell’oggi, non considera che  le azioni individuali e collettive cambiano col tempo per effetto di  condizioni radicalmente nuove  e imprevedibili  sollecitate dalle stesse azioni  odierne per cui il futuro  avrà una dimensione che noi non siamo capaci di cogliere  e che questi giovani sono piu’ attrezzati per farlo.

Dopo una lunga attesa per il mio turno, ho finalmente avuto i miei (pochi) minuti d’ingloriosa exposé. Agitando la mano per il possesso del microfono, era impossibile ignorarmi. Cosi mi alzai e dissi- piu’ o meno:

“Osservo che in questa seduta internazionale, si è parlato di un’infinità di cose importanti sulla necessità di un futuro sostenibile, e perfino sviluppista, con tutte le sue accezioni,  ma a cui manca il nesso  con quella proporzione di popolazione povera che è il primo obiettivo da  sanare.

Un’ulteriore crescita economica che dovrebbe , nell’intenzione di questo consesso,  eliminare la povertà e la fame, ma non tenga conto dell’aumento della popolazione, non può assicurare un  futuro veramente sostenibile, ma solamente aggravarlo, producendo piu’ fame e povertà.

 Il   linguaggio della crescita e del mercato si  fonda sulle basi di tendenze passate, quando le risorse apparivano  ancora abbondanti, in un contesto  di ottimismo tecnologico.

La povertà insieme alla  fame del mondo non  é la nostra primaria sollecitudine : essa è invece la distruzione della natura , l’esaurimento delle risorse, e la riduzione delle nascite   come premessa necessaria per la sconfitta della povertà.

Che la crescita della popolazione richieda piu’ risorse per nutrire, vestire, abitare i nuovi esseri che vengono al mondo,  non ci vuole un genio matematico per capirlo ma solo l’intuizione.

E’ risaputo che  il divario tra la produzione alimentare e la popolazione non è colmato da un aumento della produzione  perché ogni aumento di quest’ultima favorisce inevitabilmente un  ulteriore aumento della prima , che  presto  sarà seguito da una nuova  carenza alimentare, e cosi via. Non è possibile , con le tecniche attuali  e il tempo  a disposizione, nutrire un numero sempre crescente della popolazione già in sé povera e affamata.

La verità è che la domanda dipende dalla  crescita della popolazione e poiché questa avviene nelle regioni piu’ povere del mondo , che nella prossima metà del secolo aumenterebbero piu’ di 118% , questa è una tragedia che nessun aiuto alimentare od economico puo’ eliminare,.  Secondo il rapporto della Banca Mondiale ,nell’Afganitan, Angola, Burundi, East Timor,Guinea-Bissau, Liberia, Somalia,  le donne hanno ancora sei o piu’ bambini .

Si calcola che oggi esistono circa 1 miliardo di persone affamate, e in soli 50 anni la crescita della popolazione richiederà una parallela crescita alimentare del 100% di quanto produciamo oggi. Secondo la FAO, lo sfruttamento di nuovi terreni, marginali e già scarsi, aiuterebbe a ridurre solo il 20% di questo bisogno per il 2050. (www.Feedstuffs.com)

Mi domando se le persone che attendono questo evento sono al corrente di tali statistiche e hanno una preparazione scientifica che possa trarre senso da esse  e programmare per  provedere alla loro soluzione.

Le soluzioni devono avere fondamenti scientifici, e  risolvibili  con le tecnologie attuali, dato che non si può contare su un futuro deus ex machina, che risolverebbe problemi cosi strettamente connessi.

I modelli attuali per uno sviluppo sostenibile  non comprendono che l’economia è parte dell’ecologia e che non puo’ sopravvivere se essa distrugge la natura.

Fui ascoltata con affabile attenzione, e  Michele Candotti (ex-WWF), si alzo’ e mi disse che avevo ragione e che nel prossimo incontro per la diffusione di Rio+20 avrebbero tenuto conto di questo  aspetto.

Infatti, l’incontro successivo del 28 novembre a cui non potei partecipare, fu : “UNEP Green jobs”…

Il mio informante mi comunica che l’evento precedente era solo un rehearsal, un antipasto a cui segue  il piatto forte, e questo consisteva  nel lancio del programma già ampiamente pubblicizzato di una Green Economy dell’UNEP, una strabiliante  scoperta dell’acqua calda. Questo programma è basato su delle ricerche commissionate  al professore di economia Edward  Barbier , dell’ American University of Wyoming.

Un New Green Deal, ma fortemente influenzato dall’ideologia del mercato e della globalizzazione. E, osserviamo, non è strano che quasi tutti i funzionari  dell’UNEP, nonosante esso sia un Programma Ecologico,  sono economisti e  non ecologisti ?   Secondo le loro previsioni:

 

– l’economia crescerà e la popolazione pure ;

– ma la qualità dell’ambiene crescerà piu’ dell’economia ;

– l’uso delle risorse si contrarrà un po’,  quindi ,

hop!

– l’impatto negativo sulla natura sarà ridotto ! (Dic. 2009)

 

L’UNEP è pervasa dall’ideologia economica condita da  un pizzico di socialismo. Mescola il linguaggio dell’equità sociale e si prefigge l’aumento del capitale naturale del pianeta Terra( sic)  e la riduzione della scarsità ecologica e dei rischi ambientali (no, non me lo sono inventato, v. Pavan Sukhdev Study Leader, TEEB & Project Leader, Green Economy Initiative pavan@unep-wcmc.org) Le dichiarazioni scientifiche sono offuscate da un linguaggio politicamente corretto. (v.ecoglobe.ch )

 

Comprendiamo i loro affanni.

Molti posti di lavoro devono essere preservati ad ogni costo ma sarebbero a rischio se venisse diffusa la notizia della loro improduttività.

E quindi bisogna infondere ottimismo  e produrre molti molti rapporti e raccomandazioni e programmi.

 

“It is difficult to get a man to understand something when his salary depends on him not understanding it” – Upton Sinclair.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UNA POVERTA’ SOSTENIBILE Maria Luisa Cohen, Presidente Assisi Nature Council Onlus Maggio 2013

maggio 9, 2013

 UNA  POVERTA’ SOSTENIBILE

Maria Luisa Cohen, Presidente Assisi Nature Council Onlus

Maggio 2013

 


Il 31 d’agosto 2012, ho partecipato come osservatore NGO all’International Environment House, per l’evento organizzato dall’’UNEP e dall’ ‘Environmental Network di Ginevra per Rio+20, intitolato “The Future We Want”(Il futuro che vogliamo).

Fu una discussione d’ alto livello allo scopo di  avanzare gli obiettivi di Rio+20 .

Il programma prometteva uno spazio per questioni e risposte, ma nonostante sappia che  un vero dibattito non è possibile in queste condizioni, mi preparavo lo stesso a dare battaglia, tanto per agitare un po’ le acque.

L’UNEP ( United Nations Environmental Programme) fa parte dell’Environmental Network di Ginevra,  che conta ben 110 organizzazioni governamentali e non governamentali ed è sostenuto dallo stesso governo ginevrino, a dimostrazione dell’impegno della città ad investire nel campo ambientale come in quello economico e dei diritti umani.

L’obiettivo ambizioso di questo evento, seguito alla risoluzione 66/288 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che  aveva approvato il Documento della Conferenza  per lo Sviluppo Sostenibile conosciuto come Rio + “The Future We Want”, era la  ricerca di soluzioni globalmente  condivisibili.

Poiché  la sostenibilità è oramai un household name, un brand  riconosciuto dai ranghi del potere burocratico ,  questo futuro auspicato per un’ancora evanescente condivisione universale, dovrà essere socialmente ed ecologicamente sostenibile.  Il modello Brundtland è la linea rossa che non si puo’ sorpassare, la parola finale sulla Sostenibilità, ma inscindibile dal concetto di Sviluppo.

Ora, lo sviluppo come inteso dal Rapporto e le sue numerose definizioni, significa crescita materiale, cioè un aumento dell’uso delle risorse. L’unica misura di sostenibilità è quella ecologica, cioè la capacità di carico del pianeta, che l’umanità ha da tempo sorpassato (overshoot). Quello di cui abbiamo bisogno non è crescere ma contrarre. 

Questo aspetto non fu mai menzionato nella discussione.

Che però ha determinato gli obiettivi (target) principali per  uno Sviluppo Sostenibile, che sono in primis, l’eradicazione della povertà e della fame nel mondo come il più urgente ; la transizione verso un’economia “verde”; la creazione  di un Forum di alto livello sullo Sviluppo Sostenibile per sostituire la Commissione dell’UN sullo Sviluppo Sostenibile ….e potenziare il ruolo dell’UNEP ( United Nations Environmental Programme.

  Pardon,  se questo suona come una satira  della burocrazia internazionale, ma se qualcuno pensa che io mi diverta a seguire queste evoluzioni dejà vu che si ripetono sempre eguali e sempre più costose e inefficienti dilatate fino alla fine dei tempi – o di questo nostro mondo- si sbaglia. Sono presa da un senso di futilità e mi chiedo a cosa servono gli  sforzi di una minoranza per convincere la maggioranza che  la terra non è piatta né infinita.

Essa è limitata e già sfruttata al massimo e la crescita  accompagnata da qualsiasi aggettivo rassicurante non fa che aumentare la pressione.

Era oramai chiaro che Rio +20  fu un clamoroso insuccesso, che non aveva avuto successo  e che l’unico obiettivo raggiunto fu perversamente un aumento dell’emissione di CO2.

Ma l’essenza della burocrazia sta anche nella ripetitività dei suoi errori, e una volta stabilito che la crescita è un bene da perseguire,  senza notare che le  circostanze sono cambiate e quindi anche le conseguenze, l’accoppiamento Sviluppo che spinge per  la crescita  con  la Sostenibilità che richiede stabilità, diventa un ossimoro.

Tra l’altro, Ian Johnson, Segretario Generale del Club of Rome nell’articolo  “The Future we want or the Future that we will get? Flying down to Rio: Global Public Policy per airmile accumulated and GHG produced “, riferendosi al seguito della  Conferenza Rio +20 non aveva dubbi sull’inutilità di queste conferenze :

“Dopo quaranta anni uno può solo disperarsi per il processo internazionale a cui abbiamo assistito. Un  testo turgido dal titolo ottimista “Il Futuro che vogliamo” include quasi 300 paragrafi che coprono tutto ma offrono niente. “Recognize” , “riafferma”, “ricorda”“riconosce”, “ sottolinea”,  “ripete”, “esorta”,”enfatizza”, “fa risaltare”,”invita” nel testo, minuziosamente  costruito in garbati termini  diplomatici …che riafferma e sottolinea    la descrizione del diplomatico: qualcuno che pensa due volte prima di dire niente ! “

E cosi eravamo giunti ad agosto per  una nuova svolta, a confermare gli errori della prima.

La discussione fu introdotta dalla  dichiarazione del sottosegretario Generale dell’UN Jan Eliasson, il cui sugo era il seguente  “Riguardo  alla nostra economia sostenibile, essa funziona   e  sarà ottimizzata a livello nazionale. Purtroppo a livello intergovernamentale, i risultati sono negativi.

Cosa dovremmo fare dopo la lezione di Rio ?

Il minimo che possiamo fare per trovare soluzioni ai problemi del  mondo è attraverso delle conferenze multilaterali.”

Ci si chiedeva:

-come coinvolgere gruppi sociali e il settore privato ?

– come trovare delle soluzioni pratiche favorevoli alla realizzazione di un’economia “verde” ?
– come permettere ai singoli paesi di trovare soluzioni in accordo con le loro risorse ?

Eravamo ancorati  alle prime raccomandazioni di Rio 20+, senza avere ottenuto degli scopi strategici ?

Tra gli ospiti del Panel c’era solo uno che conoscevo: Mark  Halle, un simpatico tipo che ha sopravissuto incolume numerosissime conferenze e scalato diverse  vette nel firmamento delle organizzazioni GO e NGO

In una delle sue vesti, da Vice Presidente dell’ International Institute for the Sustainable Development, egli ammette:

“….nonostante ( gli sforzi -mia nota), l’impresa è stata fallimentare. Ogni obiettivo esame delle  tendenze dell’ultimo quarto di secolo dimostrano che non solo abbiamo fallito, ma che abbiamo fallito in modo spettacolare.”

 ( IISD Publications Centre “Mark Halle talks about why sustainable development hasn’t worked and what to do about it” 2010 Video).

La sala era piena, piena di una nuova generazione di globalisti, giovani ed etnicamente diversi, che poi ritrovai alla caffetteria ben fornita di assietes saine, equitabili ed ecosostenibili aka  wholewfood a prezzo apprezzabilmente  sostenibile.

Mi chiedo, dove sono i giovani disoccupati, arrabbiati e sfiduciati, che marciano contro: qui tutto quello che pensano di “okkupare” sono le sedie dell’auditorio o dell’enorme biblioteca.

Incidentalmente, se il tasso di disoccupazione nei paesi occidentali  è molto elevato, e specialmente le donne non sono apprezzate come partner economico allo stesso livello degli uomini, la composizione demografica di questa sala offriva delle osservazioni particolarmente interessanti. La proporzione donne /uomini era al 70% in favore della prima. Il processo di rottamazione pare sia  già da tempo operante: l’età media era tra i 19 e i 32 anni.

L’atmosfera era permeata di energia creativa.

Non ho decîso in cuor mio se l’ottimismo di quest’atmosfera è rassicurante o preoccupante.Ma comunque vada, questi giovani  arriveranno in testa alla feroce competizione che attende  tutti i giovani. Mentre la generazione di mezzo,che ha visto l’esplosione economica, con sguardo miope soppesa il futuro come lo specchio dell’oggi, non considera che  le azioni individuali e collettive cambiano col tempo per effetto di  condizioni radicalmente nuove  e imprevedibili  sollecitate dalle stesse azioni  odierne per cui il futuro  avrà una dimensione che noi non siamo capaci di cogliere  e che questi giovani sono piu’ attrezzati per farlo.

Dopo una lunga attesa per il mio turno, ho finalmente avuto i miei (pochi) minuti d’ingloriosa exposé. Agitando la mano per il possesso del microfono, era impossibile ignorarmi. Cosi mi alzai e dissi- piu’ o meno:

“Osservo che in questa seduta internazionale, si è parlato di un’infinità di cose importanti sulla necessità di un futuro sostenibile, e perfino sviluppista, con tutte le sue accezioni,  ma a cui manca il nesso  con quella proporzione di popolazione povera che è il primo obiettivo da  sanare.

Un’ulteriore crescita economica che dovrebbe , nell’intenzione di questo consesso,  eliminare la povertà e la fame, ma non tenga conto dell’aumento della popolazione, non può assicurare un  futuro veramente sostenibile, ma solamente aggravarlo, producendo piu’ fame e povertà.

 Il   linguaggio della crescita e del mercato si  fonda sulle basi di tendenze passate, quando le risorse apparivano  ancora abbondanti, in un contesto  di ottimismo tecnologico.

La povertà insieme alla  fame del mondo non  é la nostra primaria sollecitudine : essa è invece la distruzione della natura , l’esaurimento delle risorse, e la riduzione delle nascite   come premessa necessaria per la sconfitta della povertà.

Che la crescita della popolazione richieda piu’ risorse per nutrire, vestire, abitare i nuovi esseri che vengono al mondo,  non ci vuole un genio matematico per capirlo ma solo l’intuizione.

E’ risaputo che  il divario tra la produzione alimentare e la popolazione non è colmato da un aumento della produzione  perché ogni aumento di quest’ultima favorisce inevitabilmente un  ulteriore aumento della prima , che  presto  sarà seguito da una nuova  carenza alimentare, e cosi via. Non è possibile , con le tecniche attuali  e il tempo  a disposizione, nutrire un numero sempre crescente della popolazione già in sé povera e affamata.

La verità è che la domanda dipende dalla  crescita della popolazione e poiché questa avviene nelle regioni piu’ povere del mondo , che nella prossima metà del secolo aumenterebbero piu’ di 118% , questa è una tragedia che nessun aiuto alimentare od economico puo’ eliminare,.  Secondo il rapporto della Banca Mondiale ,nell’Afganitan, Angola, Burundi, East Timor,Guinea-Bissau, Liberia, Somalia,  le donne hanno ancora sei o piu’ bambini .

Si calcola che oggi esistono circa 1 miliardo di persone affamate, e in soli 50 anni la crescita della popolazione richiederà una parallela crescita alimentare del 100% di quanto produciamo oggi. Secondo la FAO, lo sfruttamento di nuovi terreni, marginali e già scarsi, aiuterebbe a ridurre solo il 20% di questo bisogno per il 2050. (www.Feedstuffs.com)

Mi domando se le persone che attendono questo evento sono al corrente di tali statistiche e hanno una preparazione scientifica che possa trarre senso da esse  e programmare per  provedere alla loro soluzione.

Le soluzioni devono avere fondamenti scientifici, e  risolvibili  con le tecnologie attuali, dato che non si può contare su un futuro deus ex machina, che risolverebbe problemi cosi strettamente connessi.

I modelli attuali per uno sviluppo sostenibile  non comprendono che l’economia è parte dell’ecologia e che non puo’ sopravvivere se essa distrugge la natura.

Fui ascoltata con affabile attenzione, e  Michele Candotti (ex-WWF), si alzo’ e mi disse che avevo ragione e che nel prossimo incontro per la diffusione di Rio+20 avrebbero tenuto conto di questo  aspetto.

Infatti, l’incontro successivo del 28 novembre a cui non potei partecipare, fu : “UNEP Green jobs”…

Il mio informante mi comunica che l’evento precedente era solo un rehearsal, un antipasto a cui segue  il piatto forte, e questo consisteva  nel lancio del programma già ampiamente pubblicizzato di una Green Economy dell’UNEP, una strabiliante  scoperta dell’acqua calda. Questo programma è basato su delle ricerche commissionate  al professore di economia Edward  Barbier , dell’ American University of Wyoming.

Un New Green Deal, ma fortemente influenzato dall’ideologia del mercato e della globalizzazione. E, osserviamo, non è strano che quasi tutti i funzionari  dell’UNEP, nonosante esso sia un Programma Ecologico,  sono economisti e  non ecologisti ?   Secondo le loro previsioni:

 

– l’economia crescerà e la popolazione pure ;

– ma la qualità dell’ambiene crescerà piu’ dell’economia ;

– l’uso delle risorse si contrarrà un po’,  quindi ,

hop!

– l’impatto negativo sulla natura sarà ridotto ! (Dic. 2009)

 

L’UNEP è pervasa dall’ideologia economica condita da  un pizzico di socialismo. Mescola il linguaggio dell’equità sociale e si prefigge l’aumento del capitale naturale del pianeta Terra( sic)  e la riduzione della scarsità ecologica e dei rischi ambientali (no, non me lo sono inventato, v. Pavan Sukhdev Study Leader, TEEB & Project Leader, Green Economy Initiative pavan@unep-wcmc.org) Le dichiarazioni scientifiche sono offuscate da un linguaggio politicamente corretto. (v.ecoglobe.ch )

 

Comprendiamo i loro affanni.

Molti posti di lavoro devono essere preservati ad ogni costo ma sarebbero a rischio se venisse diffusa la notizia della loro improduttività.

E quindi bisogna infondere ottimismo  e produrre molti molti rapporti e raccomandazioni e programmi.

 

“It is difficult to get a man to understand something when his salary depends on him not understanding it” – Upton Sinclair.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NATURE LOSS ‘TO DAMAGE ECONOMIES’

gennaio 6, 2013

10 May 2010 Last updated at 07:27 GMT

NATURE LOSS ‘TO DAMAGE ECONOMIES’

By Richard Black

Environment correspondent, BBC News

 

 

 

 

The abundance of mammals, birds, reptiles and other creatures is falling rapidly.

 

 

The third Global Biodiversity Outlook (GBO-3) says that some ecosystems may soon reach “tipping points” where they rapidly become less useful to humanity.

Such tipping points could include rapid dieback of forest, algal takeover of watercourses and mass coral reef death.

Last month, scientists confirmed that governments would not meet their target of curbing biodiversity loss by 2010.

“The news is not good,” said Ahmed Djoglaf, executive secretary of the UN Convention on Biological Diversity (CBD).

“We continue to lose biodiversity at a rate never before seen in history – extinction rates may be up to 1,000 times higher than the historical background rate.”

The global abundance of vertebrates – the group that includes mammals, reptiles, birds, amphibians and fish – fell by about one-third between 1970 and 2006, the UN says.

Seeing red

 

The 2010 target of significantly curbing the global rate of biodiversity loss was agreed at the Johannesburg summit in 2002.

It has been clear for a while that it would not be met.               

But GBO-3 concludes that none of the 21 subsidiary targets set at the same time are being met either, at least not on a global basis.

These include measures such as curbing the rate of habitat loss and degradation, protecting at least 10% of the Earth’s ecological regions, controlling the spread of invasive species and making sure that international trade does not take any species towards extinction.

No government submitting reports to the convention on biodiversity group claims to have completely met the 2010 target.

While progress is being made in some regions, the global failure means an ever-growing number of species are on the Red List of Threatened Species.

“Twenty-one percent of all known mammals, 30% of all known amphibians, 12% of all known birds (and)… 27% of reef-building corals assessed… are threatened with extinction,” said Bill Jackson, deputy director general of the International Union for the Conservation of Nature (IUCN), which maintains the Red List.

“If the world made equivalent losses in share prices, there would be a rapid response and widespread panic.”

The relationship between nature loss and economic harm is much more than just figurative, the UN believes.

An ongoing project known as The Economics of Ecosystems and Biodiversity (TEEB) is attempting to quantify the monetary value of various services that nature provides for us.

These services include purifying water and air, protecting coasts from storms and maintaining wildlife for ecotourism.

The rationale is that when such services disappear or are degraded, they have to be replaced out of society’s coffers.

Loss of coral reefs will reduce humanity’s supply of seafood.

TEEB has already calculated the annual loss of forests at $2-5 trillion, dwarfing costs of the banking crisis.

“Many economies remain blind to the huge value of the diversity of animals, plants and other lifeforms and their role in healthy and functioning ecosystems,” said Achim Steiner, executive director of the UN Environment Programme (Unep).

“Humanity has fabricated the illusion that somehow we can get by without biodiversity, or that it is somehow peripheral to our contemporary world.

“The truth is we need it more than ever on a planet of six billion heading to over nine billion people by 2050.”

For example, freshwater systems polluted with excess agricultural fertiliser will suffocate with algae, killing off fish and making water unfit for human consumption.

The more that ecosystems become degraded, the UN says, the greater the risk that they will be pushed “over the edge” into a new stable state of much less utility to humankind.

Source:

BBC
http://news.bbc.co.uk/2/hi/science_and_environment/10103179.stm

 

 

     

BILLIONS IN SUBSIDIES PROP UP UNSUSTAINABLE OVERFISHING

novembre 24, 2012

Christopher Pala
inter press service / news analysis
Published: Friday 9 November 2012

Such subsidies total 27 billion dollars a year, with nearly two-thirds coming from China, Taiwan and Korea along with Europe, Japan and the United States, according to a University of British Columbia study.
Most go to building the ever-more-efficient ships that are required to catch ever-dwindling populations of fish around the world, with yet more subsidies going to offset their growing consumption of fuel as they venture ever farther and deeper to fill their holds.
The result, says Dr. Rashid Sumaila, lead author of the UBC study, is that taxpayers are funding the depletion of the world’s fish populations and the impoverishment of coastal communities abroad.
“A lot of the fish eaten in Europe, the United States and Japan comes from other countries, mostly poor ones,” because the developed countries long ago overexploited their own waters, he told IPS in a telephone interview.
“The more their fleets fish out an area, the harder it gets to keep fishing there and the more they ask for subsidies,” he added. “It’s crazy.”
A senior United Nations official agrees, charging last week that developed countries, which eat three times as much fish per capita as poor ones, are are depleting the oceans and depriving coastal fishermen in developing countries of their livelihood and coastal populations of food.
“Without rapid action” to stop destructive practices, “fisheries will no longer be able to play a critical role in securing the right to food of millions,” the United Nations Special Rapporteur on the Right to Food, Olivier de Schutter, said.
Calling for an end to the subsidies, he added, “Future generations will pay the price when the oceans run dry.”
The U.N. report, entitled “Fisheries and the Right to Food“, notes that international conventions ranging from the Law of Sea to the World Trade Organization have long called for the ban of subsidies to fleets that fish unsustainably, as most today do.
Meanwhile, the money the industrial fleets pay developing countries to fish in their waters goes to often corrupt governments, while the impact is felt by poor coastal communities.
Not only are most industrialized ships uneconomical if they aren’t subsidized, they also provide far fewer jobs: 200 for every 1,000 tons of fish caught, versus 2,400 jobs for 1,000 tons caught with artisanal methods using small boats, according to another study cited in the U.N. report.
Globally, that translates to a half-million industrial fishermen catching 30 million tons of edible fish, discarding at sea another 15 million tons, and burning 37 million tons of fuel.
The artisanal fisheries also catch about 30 million tons of seafood. But they employ 12 million people, discard almost nothing, use a seventh of the fuel and receive a fifth of the subsidies. Also, the nutrition they provide plays a much bigger role in the health of their local populations than the more expensive fish sold in developed countries.
Indeed, nearly all of the fish the small-scale fishers catch is eaten, while the industrial ships, in addition to the 30 million tons of edible fish they take, also haul out another 35 million tons of everything from other fish to plankton for transformation into oils or fish meal, which are used for fertilizer and feed.
The result: many of the non-food fish that the edible fish depend on have disappeared, along with vast amounts of plankton, the base of the food chain.
While on average 95 percent of rice and 80 percent of wheat are consumed in the country in which they were grown, only 60 percent of the world’s fish is sold in the country in which it was caught, according to the report.
The rest is exported. The industrial fleets pay governments anywhere from two percent (Guinea Bissau) to six percent (the Pacific islands in whose waters half the world’s tuna is caught) for the right to fish in their waters. In comparison, governments receive 30 to 70 percent of the value of oil extracted from their land from the foreign oil companies that extract it.
Some countries have fought back. In May, Senegal’s 50,000 artisanal fishermen, angry that their catch was reduced by destructive European trawler fleets and backed by NGOs like Greenpeace, forced a new government to cancel fishing licenses to foreign fleets granted by the previous one.
Namibia, for its part, has largely banned foreign fleets from its rich waters since it became independent in 1990 and has developed its own industrial fishery.
The Maldives, in the Indian Ocean, have closed its tuna fishery to foreign industrial fleets in favour of small-scale pole-and-line vessels, which yield better-quality fish.
The U.N. report called on coastal governments to negotiate new agreements with foreign fishing fleets that would keep those away from the coasts so the sea bottoms can heal while small-scale fisheries recover.
“These resources must be turned away from over-exploitation and toward the benefit of local communities,” de Schutter said.

Commenti dalla collina. Il blog di Luca Pardi sui limiti di questo pianeta.

novembre 23, 2012

 

Riceviamo e pubblichiamo un estratto dal Blog di Luca Pardi Presidente di ASPO Italia: 

Commenti dalla collina.

Il blog di Luca Pardi sui limiti di questo pianeta.

venerdì 23 novembre 2012

La storia del PIL: capitalismo, crescita e benessere.

Spesso gli economisti insegnano che nell’Europa precapitalista non si stava meglio di ora.

Sembra un’affermazione convincente.

Si dovrebbe, come chiedeva Shumpeter agli studiosi di economia, studiare la storia economica. Magari dall’età della pietra in poi, un po’ come fa Jared Diamond in “Armi, acciaio e malattie”. Ma non importa tanto. Accontentiamoci degli ultimi 2000 anni, o anche meno, e prendiamo per buono il PIL (GDP) come misura del benessere. Lo studioso che per primo ha tentato la difficile ricostruzione storica del PIL di varie aree geografiche e singoli paesi è l’economista Angus Maddison. Questo grafico ricostruito dai dati di Maddison riportati da wikipedia presenta il PIL procapite dall’anno 1 (d.C.) al 2003 per varie zone geografiche del pianeta, in dollari internazionali,  cioè a parità di potere d’acquisto.

Secondo l’economista Gregory Clark, però: una rappresentazione schematica della storia economica mondiale è sorprendentemente semplice e può essere vi sta come nella seguente Figura.

Prima del 1800 il reddito pro capite -la disponibilità di cibo, vestiario, riscaldamento, illuminazone, e alloggiamento pro capite variano a seconda delle società e delle epoche. Ma non c’è tendenza alla crescita. Un semplice ma potente meccanismo […], la trappola malthusiana, ha assicurato che a breve termine guadagni in termini di reddito grazie ai progressi tecnologici siano stati inevitabilmente persi attraverso la crescita della popolazione. [cit. “Farewell to Alms” di  G. Clark]

La ragione della divergenza secondo Clark, dipende da un fenomeno demografico e sociale che la Gran Bretagna “sperimenta” per prima . Nella popolazione britannica dei secoli precedenti alla rivoluzione industriale la mortalità colpisce duramente le classi più basse della società che si spopolano, per questo motivo i figli delle classi superiori vanno ad occupare posizioni più in basso nella scala sociale trasportando la minore tendenza alla violenza, la laboriosità, l’inventiva e l’istruzione propria delle classi superiori in tutta la popolazione. Questa mobilità sociale verso il basso è alla base della spiegazione del perché alcuni paesi sono rimasti poveri ed altri sono diventati ricchi.

Non sorprende che la tesi di Clark sia poi stata sposata dai Think Tank della destra economica e politica. Essa infatti apertamente scarica dalla politica dei paesi industrializzati la responsabilità della povertà del terzo e quarto mondo. Il primo mondo è geneticamente migliore come lo erano le classi dominanti dell’Inghilterra e dell’Europa al tempo della rivoluzione industriale. Tesi apertamente classista che si inserisce nel filone delle spiegazioni storiche, antropologiche, economiche e culturali e sociali sull’origine della Rivoluzione Industriale.

L’interesse che suscita a chi si occupa di sostenibilità è diverso. La trappola malthusiana è stata rimossa non da un fenomeno eugenetico involontario e di difficile dimostrazione empirica, ma da un fatto materiale unico e irripetibile: la scoperta del possibile uso dei combustibili fossili. Non dico semplicemente: la scoperta dei combustibili fossili, ma la scoperta del modo di usarli. Fatto che implica lo sviluppo di scienza e tecnologia nei modi e nei tempi che hanno caratterizzato la finestra storica che va dalla metà del XVIII secolo ad oggi. Con il solo flusso di energia solare l’umanità è rimasta nella trappola malthusiana, scoperto un gigantesco, ma finito, deposito di energia solare fossile e sviluppati i mezzi per sfruttarlo ha innalzato in modo drammatico la capacità di carico del pianeta e dunque aperto la trappola malthusiana nella quale come dice Clark:  a breve termine guadagni in termini di reddito grazie ai progressi tecnologici siano stati inevitabilmente persi attraverso la crescita della popolazione.

Dunque se non è la genetica, si conclude che:

1) le responsabilità dei paesi sviluppati ci sono ancora tutte. Alla responsabilità viene richiesto non pentimento e contrizione, autoflagellazione e vergogna, ma AZIONE. La prima azione dei paesi sviluppati è prendere coscienza del fatto che la crescita del reddito procapite oltre un certo limite non corrisponde ad un aumento del benessere. Che smettano questi politici robottizati di ripetere a macchinetta come fossero i pater noster del rosario: crescita, crescita, crescita. Provino a connettersi con la realtà studiando un po’ di più e chiacchierando un po’ di meno.

2) Che la parte di mondo che è rimasta nella trappola malthusiana deve uscirci. E per uscirci ha bisogno di smettere di crescere demograficamente e approfittare di questo per aumentare il reddito procapite che fino ad un certo livello corrisponde ad un aumento del benessere.

3) Che per tutto questo un movimento politico che voglia occuparsi di sostenibilità ecologica, economica e sociale, non può che PENSARE GLOBALMENTE E AGIRE GLOBALMENTE. Localmente agiamo già ogni singolo giorno e farlo in modo sostenibile, promuovere i comportamenti ecologicamente virtuosi come le filiere corte, le reti sociali, combattendo il consumo di territorio e rispettando la natura è importante, ma non easustivo. Secondo me!

Pubblicato da Luca Pardi